AlbArgiva

Creazioni di Maria Teresa De Nittis

Terni, Umbria 5 Sales On Etsy since 2016

0 out of 5 stars (2)

AlbArgiva

Creazioni di Maria Teresa De Nittis

Terni, Umbria | 5 Sales

Maria Teresa De Nittis

Contact shop owner

Maria Teresa De Nittis

Announcement    Il design dei monili “AlbArgiva” di Maria Teresa De Nittis è l’espressione autentica di artigianato artistico; ogni oggetto è unico, irripetibile, nasce dal caso, nell’attimo creativo; realizzati a mano con l’utilizzo di materiali diversi: rame, alluminio, stoffa, argille, ecc.

Announcement

Last updated on Jun 5, 2016

Il design dei monili “AlbArgiva” di Maria Teresa De Nittis è l’espressione autentica di artigianato artistico; ogni oggetto è unico, irripetibile, nasce dal caso, nell’attimo creativo; realizzati a mano con l’utilizzo di materiali diversi: rame, alluminio, stoffa, argille, ecc.

Reviews

No reviews in the last year

About AlbArgiva

Sales 5
On Etsy since 2016

AlbArgiva Creazioni di Maria Teresa De Nittis

AlbArgiva, il brand name, che ho coniato per le mie creazioni è composto da due parole che stigmatizzano e contemplano i bagliori arcaici di arte e bellezza dell’antica civiltà greca che ha saputo illuminare anche il mondo romano con la sua cultura fine e raffinata, sempre nettamente percepibile. Gli echi dell’ancestrale memoria si perdono nelle migrazioni degli eroi omerici e di Diomede argivo che ha innestato il suo canto nella storia del Gargano e delle isole Tremiti, ispirandomi anche nell’impiego di alcuni materiali usati per la realizzazione di monili e suppellettili (rame, ferro,alluminio,argille, sassi).

AUTOCHTHON ART :

Il mare sulle pietre-Visitando le Isole Tremiti ci si sente avvincere da un’atmosfera particolare e si resta affascinati dalle bellezze naturali e storiche che le compongono: si può dire davvero che qui la natura ha sfoggiato, senza riserve, tutte le sue più alte qualità artistiche e poetiche. Il contatto fisico con esse, fa di me una persona privilegiata che trae ispirazione da un paesaggio, che non cessa mai di stupire, sollecita la mia curiosità, suggerisce un movimento di idee, che si sovrappongono, si accostano e si fondono lentamente, come soffici nembi nell’azzurro. Così, nel mio avvincente cammino di ricercatrice di “indizi” e “orme”, che diventano “forme”, scopro che, cose in apparenza, insignificanti, non lo sono affatto, anzi, al contrario hanno un loro fascino e stimolano la mia fantasia; mi rendo conto di quante innumerevoli sensazioni e richiami mi può dare per esempio un vecchio legno recuperato negli anfratti di una remota caletta, segnato dalla salsedine dopo un lungo viaggio per mare; le selci scheggiate,(manufatti caratteristici del campignano –campignien- dal nome di un villaggio della Francia, Campigny, dove apparvero i prodotti di quelle industrie protoneolitiche e neolitiche, che oggi sono indicate con tal nome) che ancora oggi riaffiorano nei terreni del versante Nord-Ovest dell’isola di San Domino, testimonianza di insediamenti umani del neolitico o un sasso di arenaria, tra i fiori, coccolato da un raggio di sole, che muto racchiude il suo archivio di informazioni e testimonianze dell’antico ambiente delle isole Tremiti, maggiormente visibile nei sedimenti di marna della più piccola del gruppo: il Cretaccio, di soli 0,04 Kmq, che sorge giallastra dal mare, tra San Domino e San Nicola ( quasi si può dire, spezzata in due grossi scogli da una profonda insenatura aperta a NO). Ecco ciò che cercavo nel mio “camminare” e ho “trovato”: la materia prima con le qualità morfologiche dell’arcipelago di Diomede e aggiungerei, “ metaforiche” e “linguistiche” con la sua storia, il suo senso, che può espandere la sua luce nel mondo, diventare prezioso ambasciatore del territorio e della mia creatività, con piccole opere d’arte. Vado, dunque, a “caccia di sassi”, in lungo e in largo, ora a “Tramontana” ora a ”Tamariello”, dopo a Capraia e Cretaccio, e cerco di conoscere da vicino, le rocce delle isole che bruciano sotto i miei piedi ma non sono geologo né paleontologo, forse l’artista nativa che vuol capire e interpretare il proprio territorio dalle sue fondamenta, dalla sua “anima” più profonda.Si spalancano le frontiere dei millenni sulle rocce visibili e vissute: scenari remoti riappaiono alla mia immaginazione, ricchi di piante e animali i cui frammenti oggi sono di fronte a me.

Magiche pietruzze di calcare, supporti pittorici perfetti, e “morbidi” sassi argillosi da scolpire, dalle forme del tutto diverse, appiattiti e contorti , forati, ove compaiono, talvolta già definiti i profili dei pesci, eredi dell’antico mondo e padroni di quel giardino vivente sommerso con le sue inimmaginabili varietà di forme,colori, fiori, funghi, fronde, tra cui pascolano ondeggiando mollemente a milioni, dove la natura ha provveduto a proteggerli dalle insidie del loro ambiente naturale, a mimetizzarli con i suoi smaglianti colori….che provo a dipingere nei suoi palpiti stravaganti e di grazia incomparabile di silenziosa orchestra.

LA MIA PRODUZIONE:

BIJOUX ARTISTICI (gioielli regalo unici); materiali usati:rame,alluminio,ceramica,sassi,carta,stoffa.Fornitura minuteria e accessori per montaggio: la “bottega delle idee”di Crespi Claudia,Terni. SCULTURE in pietra e bassorilievi montati su plexiglass. SEGNALIBRI plastificati – ARTREPRODUCTIONS (riproduzioni artistiche dei miei dipinti).BIGLIETTI personalizzati su ordinazione, per nascita, matrimonio, compleanno, festività.

Shop members

  • Maria Teresa De Nittis

    Owner

    BIOGRAFIA Maria Teresa De Nittis WebsiteMaria Teresa De Nittis, ceramista e bibliotecaria di Stato. E’ nata a Peschici nel 1953. Tremitese di terza generazione,le sue radici risalgono alla nonna materna Tullia Greco; ha trascorso l’infanzia a San Domino,l’isola maggiore dell’arcipelago delle Tremiti,e qui,in una semplice comunità di pescatori e agricoltori è cresciuta fino all’età di dieci anni. Diplomata al liceo “Domenico Berti” di Torino, successivamente ha frequentato corsi professionali in biblioteconomia presso le biblioteche: Marucelliana di Firenze, Oasis di Perugia, San Michele a Roma e contemporaneamente i laboratori di ceramiche di Deruta (Pg). Ha lavorato con la qualifica di bibliotecario direttore presso l’Archivio di Stato di Terni (1978-2014). Tra i Libri pubblicati: Tra acquarelli e poesia, Ed. Thyrus, Arrone (Tr), 2006; Ancora qualche ritratto sulla famosa Cascata delle Marmore a Terni, 2010; la Memoria dello sguardo, Il Paesaggio delle Isole Tremiti, Ed.Thyrus, 2012, Tengo ‘a voce int’o mare,Poesie per Tremiti, (a cura di Mario Merone), Il Cartiglio,2012. Transizione, la Terra l’Ammonite il Mare, catalogo della mostra a cura di Edoardo Desiderio e Luca Proietti Scorsoni, Copyservice, Terni, 2016. Con la P.A.(Archivio di Stato di Terni) M.Teresa De Nittis ha contribuito individualmente o con gruppi di lavoro a numerosi progetti culturali : mostre documentarie e pubblicazioni di cataloghi (”Viaggiatori viandanti e pellegrini a Terni tra 700 e 800 ; progetto didattico”Adotta la tua città” ; mostra documentario-fotografica sul territorio della II Circoscrizione Interamna; contributo bibliografico per la pubblicazione e mostra documentaria “Accademiste a Orvieto.Donne ed educazione fisica nell’Italia fascista. 1932-1943. Documenti e saggi”; contributo bibliografico “Braccio da Montone e il Comune di Terni”, 2002; mostra documentaria “Incanti dell’occhio e dell’orecchio”; allestimento mostra per X settimana dei Beni Culturali ,28 novembre 1994;lezione sul ruolo e funzionamento dell’Archivio di Stato per la V Settimana della Cultura,5-10 maggio 2003;collaborazione per il convegno 8-9 novembre 2006“Gisa Giani. La memoria al femminile”; per la mostra bibliografica-documentaria per le celebrazioni in onore di Garibaldi Giornate Europee del Patrimonio; alla mostra documentaria”Madre Maria Eletta (Terni 1605 – Praga 1663):una suora carmelitana sulle strade d’Europa; per conferenza: “Un archivio per la città”; Giornate Europee del Patrimonio per la mostra del giornalista G.D’Astoli; relazione introduttiva per la manifestazione culturale e Tavola Rotonda “Tra libri e cinema” e collaborazione scientifica alla mostra documentaria “Festa, vita civile e religiosa a Terni nel Tardo Medioevo”, Bibliomediateca,9 giugno 1996; allestimento mostra bibliografica fondo Gisa Giani nell’ambito del Convegno”Gisa Giani.La memoria al femminile”, 20 marzo 2009 e per la mostra documentaria “La SIRI: la fabbrica della ricerca”; Il Rettore, Il Presidente, Il Nobile, l’Archeologo,articolo in “Memoria Storica”, Rivista del Centro Studi Storici di Terni, n. 34 e 35 anno XVIII, 2009, Ed. Thyrus. Tra le mostre pittoriche e artigianali individuali e collettive si cita: Ceramiche a Narni(Terni), Palio Corsa all’Anello, 1979, 1980; Ceramiche, mostre estive a San Domino,Isole Tremiti,1978-1997; Expò della Camera di Commercio di Terni all’estero e in Umbria,1980-1985 “Il cielo sopra l’Agave- Esterno Mediterraneo”, 2009; “La Cascata delle Marmore”,2010. “Le stanze di maggio”, 2012 (a cura del Comune di Terni), In viaggio con Virgilio Alterocca, Pazzaglia Caffè, mostra documentaria e di strumenti fotografici in collaborazione con il fotografo Alberto Mirimao, 2012; L’anima ondeggia, mostra Storico- documentaria, di pittura, poesia, Centro Polifunzionale, San Domino, Isole Tremiti, luglio-agosto, 2014. Maria Teresa De Nittis vive con la famiglia e opera a Terni.

  • Dr. Edoardo Desiderio

    Marketer, Assistente, Servizio Clienti

    Edoardo Desiderio, Laureato in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d'Impresa all’ Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. E' il Responsabile Comunicazione e Marketing di AlbArgiva

Shop policies

More information

Last updated on Jun 9, 2016
Imballo e confezione regalo

l'imballo dell'oggetto acquistato sarà effettuato scrupolosamente per evitare danneggiamenti durante la spedizione.
l'imballo prevede l'etichettatura e il confezionamento con il marchio AlbArgiva.

Seller details